Consigli per la stagione sciistica nelle Dolomiti dei 4 passi di Selaronda
sellaronda

Sellaronda: al via la stagione sciistica dei 4 passi

Il weekend appena trascorso ha segnato l’inizio della stagione sciistica e l’attesa apertura del Sellaronda in entrambe le direzioni di percorrenza. Il giro sciistico di 42 km, attorno al Gruppo Sella, ha integrato l’offerta di piste e impianti aperti di Dolomiti Superski, portando a 454 i km di pista fruibili e a 250 il numero di impianti aperti. È il giro sciistico dei quattro passi dolomitici intorno al massiccio del Sella dove si muove gran parte del movimento di sciatori che frequentano queste splendide montagne. Il giro si può fare in una giornata, passando con sci ai piedi nelle quattro valli ladine: Val Gardena, Alta Badia, Arabba e Val di Fassa. Il Sellaronda può essere effettuato nei due sensi (orario e antiorario), partendo da ciascuna delle quattro valli. In senso orario la segnaletica è di colore arancione, in quello antiorario di colore verde. Copre una distanza complessiva di 40 km attraversando il Veneto, il Trentino e l’Alto Adige ed è un giro sciistico oggi alla portata di qualsiasi sciatore anche di media abilità.

Così senza togliersi mai gli sci dai piedi si può percorrere un tratto spettacolare, con panorami mozzafiato che cambiano in continuazione (non si percorre mai la stessa pista) fatti di punte rocciose, fitti boschi e paesaggi innevati. Il giro non ha particolari difficoltà ma richiede una minima preparazione fisica e atletica, accortezza fondamentale: partire di mattina presto, per essere certi di tornare al punto di partenza prima della chiusura degli impianti, calcolando salite, discese, attese agli impianti, pause per lo spuntino durante il percorso e stimando che in media ci vogliono sei ore per completarlo.

Consigli:

– Gruppi di persone poco numerose, 3 o 4. Perché altrimenti i tempi rischiano di dilatarsi troppo

– Scegliere giorni di scarsa affluenza, meglio infrasettimanali evitando il weekend

– Tenete sempre nello zaino una tavoletta di cioccolata

– Verificare prima le condizioni del tempo, onde evitare vento e forti nevicate

– Iniziare lo skitour non dopo le 10 del mattino e oltrepassare l’ultimo passo obbligatoriamente per le 15.30, per evitare di trovare gli impianti chiusi

  • Stesso argomento
  • Stesso autore
Consigli utili Avatar 0 comments

Avete mai sentito parlare del test della sedia a dondolo? Si tratta di un concetto molto semplice ma che potrebbe…

Consigli utili Federica Quattrone 0 comments

Ti abbiamo raccontato quali sono le prelibatezze che devi assaggiare in Tunisia, abbiamo fatto un elenco delle principali aree archeologiche…

Consigli utili Avatar 0 comments

Su cracuri non si mangia. Sta lì, radicato sulla collina dov’è nato e se provi a estirparlo, ti taglia le…

Consigli utili Avatar 0 comments

Trasuda modernità, vitalità, giovinezza ed è ben proiettata verso il futuro. Rotterdam è una città costruita ex novo dopo essere…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

I riflettori si accendono sulla birra artigianale di qualità. A Roma dal 9 all’11 maggio comincia un vero e proprio…

Viaggi culturali Avatar 1 comment

L’anno scorso il The Guardian l’ha inserito al primo posto nella classifica dei dieci festival delle luci più belli d'Europa.…

Viaggi slow Avatar 1 comment

Aumentano i chilometri di piste ciclabili e l'acquisto di biciclette supera quello delle automobili già da due anni. Nel 2011…

Consigli utili Avatar 0 comments

"Il mio studio è tra i giardini. Cinque grandi finestre (...) sul lago di sole d'un magnifico terrazzo a mezzogiorno;…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

Esplorare in molti modi diversi il nostro rapporto con le piante e con l’ambiente. Parte la terza edizione del festival…

Avatar

Sara Sbaffi

Romana, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2009. Appassionata di viaggi ed enogastronomia. Collaboro con le Guide di Repubblica e il Trovaroma.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami
Top