Scoprire il Friuli Venezia Giulia: la 25esima edizione di Castelli Aperti - Gente in viaggio

Scoprire il Friuli Venezia Giulia: la 25esima edizione di Castelli Aperti

Una regione ricca di influenze linguistiche, gastronomiche e artistiche diverse: è il Friuli Venezia Giulia, terra di confine e commistione culturale. Come ogni anno, la regione apre le porte dei suoi castelli storici, per accogliere viaggiatori e appassionati con la 25esima edizione di Castelli Aperti.

Grazie alla sua posizione strategica, dall’epoca romana in poi, il Friuli Venezia Giulia viene considerato una zona importantissima dal punto di vista militare: sono centinaia i castelli e le fortificazioni costruite su questo territorio.

Il Consorzio per la salvaguardia dei castelli storici si pone come obiettivo la tutela e la valorizzazione di questo prezioso patrimonio architettonico: sono 18 le residenze storiche che quest’anno saranno aperte al grande pubblico, l’11 e il 12 aprile.

Novità di questa edizione è Villa Elodia, a Trivignano Udinese, che apre le sue porte per la prima volta: una dimora ottocentesca appartenuta nobili veneziani che commerciavano la seta, con barchessa perfettamente ristrutturata e parco secolare.

Villa Elodia
Villa Elodia

Sono due, inoltre, le aperture straordinarie, oltre ai consueti orari: il Castello di Cordovado aprirà sabato con orario continuato dalle 10 alle 18 e dedicherà le due giornate a storia e natura con esposizione di erbe officinali e fioriture primaverili, mentre il Castello di Villafredda sarà aperto sabato dalle 15 alle 22 con in mostra stoffe, gioielli e altri prodotti artistici.

Dopo il successo degli scorsi anni, torna anche il concorso fotografico “Castelli Aperti”: per partecipare alla terza edizione è sufficiente inviare le immagini dei castelli aderenti entro domenica 19 aprile tramite mail. Per tutti i dettagli della manifestazione e del contest fotografico, basta andare sul sito del Consorzio. Qui di seguito, invece, l’elenco dei castelli che è possibile visitare l’11 e il 12 aprile.

  • Trieste – Castello di Muggia;
  • Gorizia – Palazzo Lantieri, Castello di Spessa di Capriva e Castello di San Floriano del Collio;
  • Pordenone e dintorni – Palazzo Panigai-Ovio di Pravisdomini, Castello di Cordovado e Castelcosa (presso Cosa di San Giorgio della Richinvelda);
  • Udine e dintorni – Villa Elodia (Trivignano Udinese), Castello di Arcano, Castello di Susans (Majano), Castello di Villalta (Villalta di Fagagna), Casaforte La Brunelde (Fagagna), Palazzo Romano (Case di Manzano), Palazzo Steffaneo Roncato (Crauglio di S. Vito al Torre), Villa Kechler de Asarta (Fraforeano di Ronchis), Rocca Bernarda (Ipplis di Premariacco), il Castello di Cassacco e il Castello di Villafredda (Loneriacco di Tarcento).

Dormire in Friuli Venezia Giulia
  • Stesso argomento
  • Stesso autore
Viaggi culturali Avatar 0 comments

Il contachilometri della jeep di Andrea Roversi e Linda Pezzano segnava la cifra del titolo, spegnendo l’auto davanti casa. I…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

Chi lascia la vecchia via per la nuova... …a volte una sorpresa trova. Si sa che il detto non finisce…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

Le fonti rinnovabili, al centro del dibattito sui cambiamenti climatici negli ultimi anni, sono una fonte inesauribile non solo di…

Benessere Avatar 0 comments

Zuppa del Mandriano: un nome, una promessa. Sono pochi quelli che conoscono il secondo nome di uno dei piatti europei…

Viaggi culturali Avatar 3 comments

La natura è irriducibile: quando si lavora per la valorizzazione del patrimonio ambientale, questo concetto lo si sperimenta molte volte.…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

Riappropriarsi degli spazi urbani, rendere le nostre vie a “misura di persona”. Negli ultimi anni i nostri centri sono soggetti…

Avatar

Francesca Fiore

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami
Top