I primi racconti di viaggi del 2016 - Gente in viaggio
Viaggi gratis 2016 racconta esperienze

I primi racconti di viaggi del 2016

Anche questa settimana abbiamo avuto modo di essere trasportati in luoghi mai visitati grazie ai racconti dei nostri viaggiatori!

Continua la sfida all’ultimo post tra Claudietta e Bepposimo, che battagliano a suon di racconti di viaggi. Entrambi scrittori fantastici e grandi degustatori di luoghi, sono ben certi di aver creato un divario insormontabile verso gli altri viaggiatori, ma rimane ancora il dubbio su chi tra loro due vincerà il premio di questo mese, prima che venga riazzerata la classifica! Tensione nell’aria…

Grande anche il racconto della nuovissima e freschissima Roberta, che ha trascorso diversi mesi in America a partire dallo scorso ottobre e ci coinvolge in situazioni splendide!

La Finlandia, la neve e i laghi ghiacciati

Claudietta ci porta con lei in Finlandia, dipingendo il paesaggio come prevalentemente bianco e azzurro. Infatti le inarrestabili nevicate creano uno scenario a strati: il bianco della neve sotto i piedi ma anche delle nuvole sopra la testa sono separati dall’azzurro del cielo.

La nostra viaggiatrice, ci racconta delle camminate bibliche sui laghi ghiacciati e ci dà un prezioso suggerimento, ovvero ci consiglia di scegliere con cura le date per un eventuale viaggio, in modo da riuscire a godere della luce del sole per più di 3-4 ore al giorno.

Il giorno del ringraziamento a New Orleans

Roberta finisce di raccontarci dei mesi che ha trascorso in America, e precisamente a Philadelphia, tra gli scoiattoli che si arrampicano sugli alberi, la cioccolata calda con whisky e le confraternite lungo le strade.

Ha trascorso l’ultimo Thanksgiving a New Orleans, dove si può incontrare la gente più bizzarra del mondo e non esistono pudori o tabù, ma tutti sono provvisti di sana follia. Ci suggerisce di passare al tempio del jazz, ovvero la Preservation Hall, e di visitare il cimitero di St. Louis per ammirare la tomba di Marie Laveau, regina del vudù.

Fare surf anche con il freddo invernale

Infine Bepposimo ci riporta in patria per ricordarci che il mare si può apprezzare non solo in estate, ma anche con il vento freddo invernale, che permette di fare surf o di godersi passeggiate in solitaria immersi nei propri pensieri, magari con il proprio animale a quattro zampe ed eventualmente aspettare il tramonto.

Bepposimo è uno dei viaggiatori della prima ora della Balena Volante e in questa occasione ci ricorda che “quello dei surfisti è un mondo fatto di sport, di adrenalina, di rispetto, ma soprattutto di divertimento e di amicizie che poi durano per sempre” raccontandoci la sua esperienza di surf a Capo Mannu, a 20Km di Oristano.

Ti sei lasciato trasportare dai racconti dei nostri viaggiatori? Hai la loro stessa passione? Commentali e contribuisci ad arricchire le loro storie!

Inoltre, se hai esperienze da raccontare fallo con noi!

Viaggi gratis
Clicca sull’immagine per sapere come vincere!

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lorenzo Yoichi Porcu

Lorenzo Yoichi Porcu

Sino ai 6 anni ho vissuta in una casa in campagna con un giardino immenso e un sacco di alberi sui quali mi divertivo ad arrampicarmi. Questo ha forgiato la mia passione per la natura e per l'aria aperta. Adoro la fresca brezza di montagna e le profondità del mare.

Le mie passioni

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
Top