Visita alla casa di Pirandello nel quartiere Nomentano
villa torlonia

Pirandello e la sua casa museo nel quartiere Nomentano

“Il mio studio è tra i giardini. Cinque grandi finestre (…) sul lago di sole d’un magnifico terrazzo a mezzogiorno; e a tutt’ e cinque, un palpito continuo di tende azzurre di seta. Ma l’aria dentro è verde per il riflesso degli alberi che vi sorgono davanti”. Così Luigi Pirandello raccontava la sua ultima casa.

PirandelloLo scrittore, dal 1933 fino alla sua morte, ha vissuto a Roma nel quartiere Nomentano, precisamente all’ultimo piano di un villino in via Antonio Bosio 13 (all’epoca si chiamava ancora via Torlonia). In questo luogo oggi si trova un museo dedicato al poeta premio Nobel per la letteratura nel 1934, riconoscimento che ha ricevuto proprio quando si trovava qui.

“Scelsi allora Roma – fece dire al protagonista de “Il fu Mattia Pascal” – prima di tutto perché mi piacque sopra ogni altra città, e poi perché mi parve più adatta a ospitar con indifferenza, fra tanti forestieri, un forestiere come me”.

La sua vita romana iniziò al rientro in Italia, dopo gli anni trascorsi a Berlino e a Parigi. L’appartamento è costituito da un ampio soggiorno-studio, da una camera da letto da cui si vedono i pini di Villa Torlonia e da una luminosa terrazza. Qui sono conservati gli oggetti appartenuti allo scrittore, arredi, quadri, libri e manoscritti. Nello Studio c’è ancora la piccola macchina da scrivere portatile, suo inseparabile strumento di lavoro: in quegli anni portò a compimento “Pensaci Giacomino!” e “Così è (se vi pare)”. Questo era anche il luogo degli incontri e delle chiacchierate con parenti e amici, fra cui Lucio d’Ambra, Silvio d’Amico, Eduardo De Filippo solo per citarne alcuni.

Quando Pirandello morì gli eredi donarono tutti i beni conservati nell’appartamento allo Stato italiano a patto che quest’ultimo si impegnasse a sua volta a consegnare lo Studio al Ministero dell’Educazione Nazionale affinché tutto venisse conservato adeguatamente. Nel 1962 nacque l’Istituto di Studi Pirandelliani, che è sovvenzionato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma.

Il museo è visitabile tutti i giorni nei seguenti orari: lunedì e martedì dalle ore 9.00 alle ore 14.00; dal mercoledì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00.

La sede dell’Istituto di Studi Pirandelliani – Studio di Luigi Pirandello, oltre alla Biblioteca e Archivio “Luigi Pirandello”, all’Archivio “Ugo Betti” è dotata anche di una biblioteca specializzata ad ingresso libero. Per informazioni chiamare il numero: 06 44291853.

Se sei nelle zone del quartiere Nomentano segui i consigli di Gente in Viaggio su dove mangiare e dormire in zona.

  • Stesso argomento
  • Stesso autore
Consigli utili Avatar 1 comment

Se avete voglia di una passeggiata di primavera o  volete trascorrere una giornata diversa, vi suggeriamo un itinerario molto particolare…

Consigli utili Federica Quattrone 0 comments

Ti abbiamo raccontato quali sono le prelibatezze che devi assaggiare in Tunisia, abbiamo fatto un elenco delle principali aree archeologiche…

Consigli utili bepposimo 0 comments

La magia dei mercatini di Natale non ha mai fine, ciò vale sia per i più piccini che per i…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

Forte rosso di Agra, con in basso l'ombra del Trekker di Google Maps Vorreste visitare il Taj Mahal? O il…

Avatar 3 comments

Ci sono dei luoghi curiosi, strani e allo stesso tempo magici che almeno una volta nella vita si dovrebbero visitare.…

Viaggi slow Avatar 0 comments

Trecentocinquanta chilometri, tanta pazienza e altrettanta passione per un turismo verde ed esperienziale. Il Cammino di San Tommaso da tre…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

È partito il countdown per la Settimana della Birra Artigianale, l’evento nato per promuovere la birra di qualità su tutto…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

Dell’Abruzzo è forse la zona meno nota e spesso conosciuta per le sole coltivazioni che ricoprono il vasto altopiano del…

Outdoor Avatar 0 comments

Turismo culturale ed esperienziale non significa solo monumenti, enogastronomia, benessere, ma la cultura può avere un valore anche sportivo. Lo…

Avatar

Sara Sbaffi

Romana, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2009. Appassionata di viaggi ed enogastronomia. Collaboro con le Guide di Repubblica e il Trovaroma.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami
Top