Passeggiata a cavallo tra le campagne di Cerveteri
passeggiata a cavallo

Passeggiata a cavallo tra le campagne di Cerveteri

“T’ho dato un cavallo mica un decespugliatore!”, urla Massimo Di Marco Berardino, alias Max Dmb, un vero esperto nell’ambiente dell’equitazione e dell’addestramento. Ci vuole polso per guidare un gruppo di sei inesperti cavallerizzi in passeggiata per la campagna di Cerveteri, e Max di certo non ci va leggero quando si tratta di redarguirci perché il cavallo si ferma a mangiare le foglie degli alberi o perché tenta di superare gli altri uscendo dalla fila indiana o perché si tengono male le briglie. Tutto è nato da un’offerta su Groupon che proponeva una vantaggiosa escursione per le colline etrusche in sella a un equino. Le scuderie Longatti si trovano a 8 chilometri dalle stupende necropoli di Cerveteri e offrono un centro scuola di equitazione western, una pensione per cavalli e un centro addestramento.

Dopo 10 minuti di teoria su come stare in sella, come tenere le redini, come dare input al cavallo, siamo partiti insieme a Max e altre 5 persone alla volta della campagna laziale. Step numero uno: salire sul cavallo (la mia Betty era una graziosa femmina) e familiarizzarci un po’. Step numero due: tutti precisi in fila, si parte!

Tra campi sconfinati, viottoli disconnessi e verdi boschi abbiamo trascorso un’oretta abbondante tra il terrore di sbagliare qualcosa con il cavallo, e quindi ricevere i rimproveri bonari di Max, e la contemplazione di un paesaggio bucolico. L’occasione giusta per passare una giornata lontano dal caos di Roma e nel relax più totale. La passeggiata è stata tranquilla, tranne i cinque minuti di trotto di cui ho portato i postumi al fondoschiena per i successivi due giorni, la mia Betty ha fatto il suo dovere portandomi a scoprire le bellezze delle colline tutt’intorno e cercando di straforo di rimediare qualche foglia. Un po’ stancante per il caldo (consiglio infatti l’uscita al tramonto, magari un leggero venticello e la luce più dolce del sole possono rendere ancora più piacevole la gita) ma una volta ritornati in scuderia c’era un buon vino locale ad aspettarci per un aperitivo.

E poi è arrivata l’ora di rifocillarci. Adiacente al maneggio, all’ombra di grandi tendoni e con la compagnia dei tanti cani che vivono lì, dolcissimi cuccioli compresi, con gli altri ospiti del maneggio, con Max e Margherita, anche lei cavallerizza provetta, abbiamo pranzato tra chiacchiere e risate. Il menu comprendeva un tagliare di salumi e formaggi, ottimi fagioli con le cotiche e carne alla brace. Ovviamente tutto innaffiato dal vino bianco sincero del posto. Caffè e ammazzacaffè.

Tra una chiacchiera e l’altra Max ci ha raccontato della sua grande passione per i cavalli: “La mia missione? Quella di creare equilibrio fra cavallo e cavaliere, o semplice proprietario, per far sì che le due specie parlino una lingua il più possibile comprensibile a entrambi”. Insieme a Margherita ha vinto molti campionati italiani e i cavalli che ci hanno portato in passeggiata sono tutti ex animali da gara che Max ha deciso di tenere. Come Ferro, 15 anni, o Lully addestrata anche per fantini ciechi. Il metodo di lavoro utilizzato da Max è quello dell’imprinting dolce, è stato uno dei primi in Italia ad aver importato l’horse imprinting, studiando l’etologia e la comunicazione equina. “Quando ho deciso di dedicare la mia vita ai cavalli, mi sono reso conto che, sia che si tratti di monta inglese, western o da lavoro, in realtà l’equitazione corretta è solo una, cioè quella che si basa sull’assoluto rispetto del cavallo, sulla interpretazione del suo linguaggio, sulla necessità di creare un rapporto di equo rispetto tra cavallo e cavaliere. In questo nostro mondo tendiamo ad “ umanizzare “ troppo i nostri animali, pretendendo che alla fine comprendano e parlino il nostro linguaggio, senza preoccuparci invece di conoscere il loro. E’ giusto imparare a sussurrare ai cavalli ma è altrettanto giusto imparare a comprenderli quando loro sussurrano a noi”.

In conclusione è stata un’esperienza divertente, da rifare sicuramente e un’occasione per staccare la spina e ritemprarsi. La simpatia di Max unita al luogo e ai cavalli hanno reso piacevoli le ore trascorse qui a Cerveteri.

Dove dormire a Cerveteri
  • Stesso argomento
  • Stesso autore
Consigli utili Avatar 1 comment

140 anni e non sentirli! L’hotel Quirinale ha festeggiato il suo compleanno con un party e un cocktail, creato appositamente, per…

Consigli utili Avatar 0 comments

Raccontare il territorio attraverso le immagini, far scoprire luoghi meravigliosi agli abitanti stessi, oltre che ai turisti, creare sinergie anche…

Consigli utili Avatar 0 comments

La mia vacanza estiva in Andalusia è partita da Cádiz. Abbiamo diviso la settimana in 3 giorni a Cádiz e 4 a Siviglia.…

Viaggi culturali Avatar 1 comment

Tokyo, Singapore, Bangkok, Amburgo e Stoccolma. Si trovano in Asia e Nord Europa gli aeroporti più belli e funzionali. A…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

“Puntare non all’eccellenza ma all’unicità, perché l’eccellenza è riproducibile, l’unicità è inarrivabile e impareggiabile”. E' l'invito rivolto da Philippe Daverio alla…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

È partito il countdown per la Settimana della Birra Artigianale, l’evento nato per promuovere la birra di qualità su tutto…

Avatar

Sara Sbaffi

Romana, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2009. Appassionata di viaggi ed enogastronomia. Collaboro con le Guide di Repubblica e il Trovaroma.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami
Top