Mamma Ganga: impressionia ruota libera di un viaggio in India
ciai viaggio in india

Mamma Ganga: impressioni di un viaggio in India

ciai diario di viaggio in india uomo gatto
Uomo gatto

Scrivo a ruota libera, senza nulla di pronto nè di preparato.

Si, avevo pensato al mio quadernino di viaggio, ma poi sono partita senza e le prime impressioni che avevo in testa non le ho potute tracciare. A quel punto ho deciso che sarebbe rimasto tutto lì, nella mia memoria, nei miei occhi, nelle mie orecchie. La mia India con i suoi colori ma anche i suoi odori e i rumori.  Ciò che sto scrivendo non sarà registrato da nessun’altra parte.

India: 3 anni che ci pensavo e l’ho fatto, dovevo farlo. Mi dicevano:

“Ma sei pronta? Guarda che è tosta”.

Ero pronta, e non perché servisse altro se non i miei occhi e la voglia di assaporare … e basta. Di povertà ne ho già vista tanta, tanta, in Africa, Tibet, Nepal, Messico… occorre solo moltiplicarla, forse per 3.

Moltiplicare i rumori, moltiplicare i colori e gli odori; e moltiplicare l’incertezza di vivere. Un’incertezza che però ti culla, ti protegge. “ciaì…ciaì...” grida la voce dell’omino sul treno passeggeri per Benares e ti offre tè, a tutte le ore.

Sette (7) interminabili ore, tutto è lento anche se frenetico, lento chi ti serve il cibo e frenetici i risciò per le strade. Macerie e corpi umani che dormono ovunque, mucche e loro prodotti naturali per le strade, fangose.

Sorrisi ce ne sono pochi e mamma Ganga (il Gange) accoglie tutti, chi si lava, chi prega, animali e persone, corpi che bruciano e chi accanto lava indifferente i suoi panni. Tutto è così naturale che anche io sono naturale nel vederli.

Templi e preghiere, sculture erotiche bellissime, vecchie tracce di marajà e storpi. Pazzesca realtà di mutilati sfruttati per chiedere elemosina.

India: tornarci? Forse si…

ciai diario di viaggio in india povertà

Avatar

nuccia

Nuccia, da sempre appassionata di fotografia da quando le cartoline mi riflettevano le scie luminose lasciate dalle macchine di notte e io volevo sapere come si faceva. Ho sempre fotografato, ma per me stessa. Soprattutto fotografie di viaggi, che amo moltissimo, e quindi reportage a colori o b/n. Mi appassiona bloccare la vita in altre dimensioni, luoghi, nel momento in cui il mio occhio percepisce un alito di anima diversa dalla mia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
Top