Io, che ho paura di volare amo viaggiare
vincere buono ryanair in europa

Io, che ho paura di volare amo viaggiare

Il mio primo volo! Ne sono passati di anni… per la precisione 26 anni!

Ancora oggi quando prendo l’aereo ho qualche problema, notti insonni, respiro corto solo all’idea di salire, in poche parole: paura di volare. Però per poter viaggiare e conoscere nuovi posti, diversi dai luoghi in cui vivi, dedicando poco tempo per il viaggio, occorre prendere l’aereo.

Sarei più tranquillo se tra il punto di partenza e di arrivo vi fosse un ponte, anche impervio ed altissimo… ma questa cosa non è possibile, per cui!

Comunque ritornando al primo volo, decidemmo di andare in Australia, dall’altra parte del mondo, ci vollero 24 ore di volo con scalo intermedio a Bangkok all’andata ed a Kuala Lumpur al ritorno.

Saliti sull’aereo, un DC9, a Napoli Capodichino, sentii mancarmi la terra sotto i piedi quando l’aereo si alzò, una sensazione incredibile. Arrivati in quota la cosa andava meglio, ero sereno. La gentilezza delle hostess e steward mitigarono e fecero sparire la sensazione di paura provata. Non sapevo che dopo circa venti minuti l’aereo sarebbe sceso a Roma Fiumicino. L’aereo perdeva quota velocemente, quando le ruote toccarono la pista, io nel mio posto tentavo di frenare con i piedi e le mani si stringevano ai braccioli. Provavo una morsa allo stomaco, ero terrorizzato, stringevo la mano a mia moglie, ero teso, bocca secca.

Superare la paura di volare grazie alla bellezza del viaggio

Da Roma a Sidney invece fu tutt’altra cosa. Un’enorme Boeing 767, sembrava un’astronave, non sentivi assolutamente nulla sia in salita che discesa: stupendo! Mi dissi questo è volare, ma non avevo fatto i conti con i vuoti d’aria e le vibrazioni delle turbolenze: sembrava che l’aereo stesse per precipitare. Arrivati sull’Oceano Indiano trovammo diversi vuoti d’aria che muovevano l’aereo in alto e in basso di diversi metri e ad ogni turbolenza sentivamo un improvviso vuoto allo stomaco.

Viaggiare è diventata una componente importante della mia vita, non posso e non devo permette alla mia paura di controllare le mie scelte, non posso fermarmi. Il pensiero di quello che posso vedere nei viaggi ha fatto sì che partire sia diventata per me la più bella e coraggiosa delle azioni.

In tutti questi anni ho sviluppato un po’ di tecniche di sopravvivenza per i viaggi in aereo. In particolare quello che faccio è concentrarmi tantissimo su qualcos’altro (leggere un libro, parlare con qualcuno), mentre nel frattempo le mie gambe mi portano sull’aereo e le mie mani chiudono la cintura di sicurezza. Faccio altro in modo che la mia mente non abbia lo spazio e il tempo per iniziare ad assaporare la paura. Non realizzo. Non mi do il tempo, non me lo permetto.

Quando constato che la hostess chiude il portellone è fatta. Cosa posso fare a quel punto? Nulla, solo aspettare che il portellone si riapra, all’arrivo. A quel punto comprendo che non sono più io il responsabile della scelta di volare, non posso più modificare il corso degli eventi, non devo più scegliere tra prenotare o non prenotare, salire o non salire. Chiuso il portellone, fine delle scelte. Si rimane seduti, stop.

Comunque conforta il pensiero che raggiungere velocemente nuovi luoghi, dove poter appagare curiosità e sete di conoscenza di nuove usanze, costumi e vedere cose diverse è una delle cose a cui non rinuncerei mai.

  • Stesso argomento
  • Stesso autore
Consigli utili Federica Quattrone 0 comments

Torre dell’Orso è una eccezionale meta turistica che riesce a collegare non soltanto la bellezza della storia e della leggenda,…

Consigli utili Avatar 0 comments

Ancora indecisi su dove trascorrere le prossime vacanze? Non volete scegliere tra mete alla moda, affollate di turisti, dove è…

Consigli utili Avatar 2 comments

Perdersi tra le calli, attraversando ponticelli e porticati, antichi palazzi con il muschio sulla base e i gradini d’entrata che…

Natura e Parchi Avatar 3 comments

Oggi viviamo in un mondo che si é allontanato dalla natura, siamo circondati da strutture e materiali che poco hanno…

Natura e Parchi Avatar 0 comments

Se siete in vacanza a Ischia, non potete perdere la visita ai Giardini la Mortella dove natura e cultura si sposano…

Viaggi slow Avatar 2 comments

Il terremoto del centro Italia ha rievocato nella mia mente immagini dell'anno 1980: sisma in Irpinia! Il mio pensiero è…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

I longobardi, un popolo misterioso e affascinante. Antichi guerrieri che hanno attarevrsato la penisola lasciando importanti testimonianze archeologiche e nella…

Outdoor Avatar 1 comment

L’escursionismo consiste in un'attività motoria basata sul camminare nel territorio, sia lungo percorsi (strade, sentieri) attrezzati, sia liberamente, al di…

City Break Avatar 0 comments

È stato il mio primo viaggio in Sardegna, per la partecipazione ad un congresso a fine maggio. Mi sono documentato…

Avatar

Pellegrino Villani

Pilgrim è l'equivalente inglese di Pellegrino: possiamo ritenerci un po’ tutti pellegrini, ovvero persone in cammino, che vivono la propria vita come una continua scoperta. Infatti vivere è scoprire le bellezze del quotidiano, anche quelle più ovvie e quindi più nascoste nelle pieghe delle nostre giornate ordinarie.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami
Top