Il Parco di Veio. Itinerari di storia e natura a distanza di sicurezza

Torneremo a viaggiare, questo è certo. Quando? Purtroppo, non lo sappiamo ancora ma è probabile che il nostro prossimo viaggio sarà lento e non varcherà i confini nazionali. E siamo davvero fortunati perché di gioielli da scoprire poco battuti e che non avevamo mai considerato per una visita (il mondo è grande, il tempo poco era la nostra filosofia di vita fino a qualche mese fa) l’Italia è piena. Alla ricerca di ispirazione trovo un interessantissimo articolo del magazine di Expedia Explore che ha raccolto ben 20 cose da vedere in Lazio tra storia e natura. Alcune le conoscevo, altre no. In lista anche le cascate di Monte Gelato a Campagnano di Roma. Ed è così che mi ritorna in mente un’escursione indimenticabile “a distanza di sicurezza” in tempi non sospetti nello splendido Parco di Veio.

Il parco di Veio e il valore di un’esperienza turistica all’aria aperta

Il parco di Veio è un enorme polmone verde che si estende tra la via Cassia e la via Flaminia toccando 9 comuni della provincia di Roma. Solo nel mio ultimo anno a Roma, città in cui ho vissuto per 10 anni, sono venuta a conoscenza dell’esistenza di questa meravigliosa oasi: mea culpa!

A onor del vero Roma è circondata da incredibili parchi regionali che attraversano campagne e borghi custodendo secoli e secoli di storia. Mi viene da pensare che questi possano essere una nuova interessante attrazione per i turisti. Accanto ai monumenti più noti del centro storico Roma e il Lazio sono ancora tutti da scoprire con spazi che, sono certa, rispettano le distanze di sicurezza.

Ricca di storie e suggestioni, l’area custodisce il fascino senza tempo dell’antica Etruria con testimonianze archeologiche di immenso valore che risalgono a quasi 3000 anni fa. Il paesaggio intorno è quello tipico della campagna romana, dolce e rilassante.

I sentieri che attraversano il parco sono percorribili a piedi ed in gran parte a cavallo, mentre solo alcuni lo sono in bicicletta o mountain bike per la particolare morfologia del terreno, con diversi gradi di difficoltà.

Lungo i suoi itinerari è possibile scoprire cascate, boschi, estesi pascoli, così come necropoli o suggestive “tagliate” scavate nel tufo dagli Etruschi e osservare alcune specie rare di farfalle nonché gli animali allevati allo stato brado.
Il Parco per la sua vastità ha diverse punti d’accesso. Naturalmente è possibile visitarlo liberamente in maniera del tutto gratuita ama data la scarsità di segnaletica e la presenza all’interno del Parco di aziende agricole private e pascoli e’ consigliabile rivolgersi alle guide e alle Associazioni che gravitano intorno all’Ente Parco per scoprirne e apprezzarne tutti gli itinerari culturali e naturalistici disponibili. 

Tutta la storia del Lazio: dagli etruschi alla via Francigena

La storia del Parco di Veio ha origini molto antiche e le testimonianze sono ancora oggi visibili sul territorio; dai villaggi di capanne di epoca preistorica fino ai borghi fortificati medievali, dalle ville romane e rinascimentali, sino ai casali agricoli del 900. E’ probabile che molti di voi abbiano visto in qualche libro di storia o ancora meglio al Museo Etrusco di Villa Giulia, la grande statua in terracotta dell’Apollo, il suo grande enigmatico sorriso è una delle più importanti testimonianze del mondo etrusco ed è stata rinvenuta proprio all’interno del Parco nel 1916.

Immaginate di essere appena scesi alla stazione di La Storta, una delle tanti stazioni ferroviarie che fanno da cintura a Roma. Da li prendete un autobus urbano come quelli che da Termini vi portano in pieno centro. Qualche centinaio di metri a piedi dalla fermata e vi ritrovate catapultati indietro nel tempo. Il cartello con l’Apollo sorridente vi accoglie dapprima nel parco di Veio e poco dopo …. un paese medievale dentro Roma! Isola Farnese, un luogo incantevole e magico dove il tempo si e’ fermato. Ed è proprio questo borgo la prima sorpresa per chi come me inizia la sua escursione da Roma. 

Da qui inizia una piacevolissima e facile camminata adatta anche alle famiglie con bambini che porta fino all’area archeologica del santuario di Veio dove furono rinvenuti i resti del tempio e la famosa statua dell’Apollo.

Attraversando paesaggi naturali di infinita bellezza in cui è possibile riconoscere tutta la poesia dell’agro romano, tra greggi di pecore e vecchi casali in quelli che sono i percorsi della antica via Francigena perfettamente conservati si arriva fino all’area archeologica dell’antica città etrusca di Veio. I suoi resti seppur visibili sono ormai parte integrante del parco e della vegetazione che li circonda motivo per cui è importante per riconoscerne il valore, rivolgersi alle guide oppure informarsi in maniera adeguata prima della visita.

A questo proposito vi rimando al sito del Parco dove potrete trovare informazioni sui punti interessi e sulle attività dell’ intero parco inclusi quelli appartenenti agli altri comuni tra cui le splendide Cascate del Sorbo, Sito di Interesse Comunitario, una delle località più suggestive dell’area protetta tra i comuni di Formello e Campagnano di Roma.

piazza navona roma
Scopri di più su questa destinazione

La città eterna continua a lasciare visitatori di ogni genere a bocca aperta da quasi 3000 anni. Un museo a cielo aperto che ospita tra i monumenti e le opere d'arte più importanti al mondo. Qui la storia dell'uomo incontra il cielo terso, che degrada dolcemente verso il mare. Un polmone verde di parchi e ville, una capitale vibrante, turistica e allo stesso tempo non convenzionale. Roma è l'esperienza che non lascia indifferenti. Un segno indelebile di un viaggio romantico sullo sfondo di piazze, fontane e musei, condito dalla buona cucina. La città capitolina è un luogo autentico, così come i suoi cittadini, spontanei e sorridenti. Roma è un luogo da vivere una, due, tre volte nella vita. Scopri come con Genteinviaggio.it

Di più su Roma
Giusi Carai

Giusi Carai

Curiosa da morire, sogno di lavorare abbastanza per potere al più presto abbandonare tutto e vivere il resto della vita in viaggio per il mondo. Nell'attesa esploro il più possibile la mia isola e l'Europa e quando qualcosa mi piace ve la racconto :)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
Top

COGLI L'OPPORTUNITÀ DI VIAGGIARE DI PIÙ

Diventa Travel Blogger No grazie, non voglio vincere nuovi viaggi