Una serata di musica e parole ai Suoni delle Dolomiti

Dolomiti, musica e parole: la Banda Osiris e Michele Serra per La buona pianta

Perché un padre dovrebbe spingere un figlio ad andare con lui per i monti, inerpicandosi per un fantomatico Colle della Nasca, sentendosi rispondere quasi sempre di no? Qual è il significato profondo del legame dell’uomo con la montagna e a cosa serve trasmetterlo ad un figlio? Cerca di sviscerarlo, con la sua scrittura ironica e pungente, Michele Serra che, circondato dalle Dolomiti legge Gli sdraiati, per La buona Pianta.

Suoni dalle Dolomiti e La Buona Pianta - Michele Serra e Banda Osiris
Suoni dalle Dolomiti e La Buona Pianta – Michele Serra e Banda Osiris

Il festival, organizzato da Aboca, oggi ci ha portato sul Monte Bondone in collaborazione con Suoni dalle Dolomiti, per uno spettacolo unico, in cui la magnificenza delle montagne trentine si intreccia a musica e parole. E quest’anno, ventennale della manifestazione sonoro-naturistica, tocca all’ultimo libro di Michele Serra, Gli Sdraiati, ad allietare montagne, pendii e vallate, canzonato dalle sfilettatature musicali della Banda Osiris.

Il rifugio Viato accoglie migliaia di persone che si godono l’introduzione, irriverente come sempre, della nota banda musicale. Qualche goccia di pioggia e un leggero venticello non fermano chi vuole godere della simbiosi unica fra musica e montagna. Una simbiosi che la Banda Osiris affronta con leggerezza ed euforia, aprendo la strada alle parole di Michele Serra.

La buona pianta e Suoni dalle Dolomiti - Banda Osiris
La buona pianta e Suoni dalle Dolomiti – Banda Osiris

Indagare le difficoltà del rapporto padre-figlio significa inoltrarsi su una strada impervia, soprattutto per un padre protagonista di quel racconto: la montagna interviene, come strumento simbolico che traccia la via, la via della crescita e della separazione dei due.

Un passaggio inevitabile ma doloroso, che implica il gesto mentale del “lasciare andare” un figlio, per permettergli di affrontare la vita in un modo che il padre non può programmare, con uno sguardo su cui non può influire, accettando che il proprio compito sia quasi terminato. E accettando di invecchiare.

Uno spettacolo che le Dolomiti hanno amplificato, con il riverbero naturale creato dagli spazi ampi e dalle vette lontane: un modo per “animare” la natura in modo dolce, senza traumi, ma anzi nutrendole attraverso il valore aggiunto dell’arte condivisa.

La buona pianta e Suoni dalle Dolomiti
La buona pianta e Suoni dalle Dolomiti

  • Stesso argomento
  • Stesso autore
Viaggi culturali Avatar 0 comments

Londra è da sempre meta importante di vacanze studio, a scegliere questa tipologia di turismo formativo sono sopratutto le donne.…

Viaggi culturali bepposimo 0 comments

In questo ampio scenario di sagre, manifestazioni ed eventi che si svolgono in Sardegna in questo periodo, trova spazio anche…

Viaggi culturali Paolo Menchetti 0 comments

L’Italia è terra di tradizioni che affondano le proprie radici nella notte dei tempi. Molte di loro sono scomparse nel…

Consigli utili Avatar 0 comments

Gli italiani e i viaggi sostenibili: a differenza di quello che sembra, l’idea di alloggiare in una struttura eco-friendly piace…

Consigli utili Avatar 0 comments

Un branco di cavalli selvaggi, che vive e si riproduce in piena Liguria: sono gli esemplari del Parco naturale regionale…

Consigli utili Avatar 2 comments

Rovine uguale Pompei: questo è quello che in automatico viene in mente pensando ad un parco archeologico italiano. Ma vicino…

Avatar

Francesca Fiore

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami
Top