Una serata di musica e parole ai Suoni delle Dolomiti

Dolomiti, musica e parole: la Banda Osiris e Michele Serra per La buona pianta

Perché un padre dovrebbe spingere un figlio ad andare con lui per i monti, inerpicandosi per un fantomatico Colle della Nasca, sentendosi rispondere quasi sempre di no? Qual è il significato profondo del legame dell’uomo con la montagna e a cosa serve trasmetterlo ad un figlio? Cerca di sviscerarlo, con la sua scrittura ironica e pungente, Michele Serra che, circondato dalle Dolomiti legge Gli sdraiati, per La buona Pianta.

Suoni dalle Dolomiti e La Buona Pianta - Michele Serra e Banda Osiris
Suoni dalle Dolomiti e La Buona Pianta – Michele Serra e Banda Osiris

Il festival, organizzato da Aboca, oggi ci ha portato sul Monte Bondone in collaborazione con Suoni dalle Dolomiti, per uno spettacolo unico, in cui la magnificenza delle montagne trentine si intreccia a musica e parole. E quest’anno, ventennale della manifestazione sonoro-naturistica, tocca all’ultimo libro di Michele Serra, Gli Sdraiati, ad allietare montagne, pendii e vallate, canzonato dalle sfilettatature musicali della Banda Osiris.

Il rifugio Viato accoglie migliaia di persone che si godono l’introduzione, irriverente come sempre, della nota banda musicale. Qualche goccia di pioggia e un leggero venticello non fermano chi vuole godere della simbiosi unica fra musica e montagna. Una simbiosi che la Banda Osiris affronta con leggerezza ed euforia, aprendo la strada alle parole di Michele Serra.

La buona pianta e Suoni dalle Dolomiti - Banda Osiris
La buona pianta e Suoni dalle Dolomiti – Banda Osiris

Indagare le difficoltà del rapporto padre-figlio significa inoltrarsi su una strada impervia, soprattutto per un padre protagonista di quel racconto: la montagna interviene, come strumento simbolico che traccia la via, la via della crescita e della separazione dei due.

Un passaggio inevitabile ma doloroso, che implica il gesto mentale del “lasciare andare” un figlio, per permettergli di affrontare la vita in un modo che il padre non può programmare, con uno sguardo su cui non può influire, accettando che il proprio compito sia quasi terminato. E accettando di invecchiare.

Uno spettacolo che le Dolomiti hanno amplificato, con il riverbero naturale creato dagli spazi ampi e dalle vette lontane: un modo per “animare” la natura in modo dolce, senza traumi, ma anzi nutrendole attraverso il valore aggiunto dell’arte condivisa.

La buona pianta e Suoni dalle Dolomiti
La buona pianta e Suoni dalle Dolomiti

  • Stesso argomento
  • Stesso autore
Viaggi culturali LAsinodOro 0 comments

Il caldo estivo non deve scoraggiare quando si ha in programma proprio in questi mesi un viaggio nella Capitale. Ovviamente…

Viaggi culturali Avatar 1 comment

Due giovani donne, appassionate ed entusiaste, che portano avanti una tradizione tramandata da altrettante donne. Marta Cucchia e Maddalena Forenza…

Viaggi culturali enzodib 0 comments

Se all'arrivo, la stazione Salzburg Hbf può cogliervi di sorpresa con le sue vetrate e l'ampio uso di acciaio ,…

Consigli utili Avatar 0 comments

Dici Val Venosta, ti rispondono subito “mele”. Ma in Val Venosta, conosciuta in passato anche come il “granaio del Tirolo”,…

Consigli utili Avatar 0 comments

Un branco di cavalli selvaggi, che vive e si riproduce in piena Liguria: sono gli esemplari del Parco naturale regionale…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

Quando si pensa alla Sicilia, è quasi inevitabile l’associazione con il mare: ma un’isola così ricca di paesaggi diversi, ha…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

Le fonti rinnovabili, al centro del dibattito sui cambiamenti climatici negli ultimi anni, sono una fonte inesauribile non solo di…

Viaggi slow Avatar 0 comments

Non sono molti quelli che, in Italia, conoscono il sorriso dell’Ignoto Marinaio dal vivo: tra le miriadi di opere e…

Benessere Avatar 0 comments

Zuppa del Mandriano: un nome, una promessa. Sono pochi quelli che conoscono il secondo nome di uno dei piatti europei…

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami
Top