Castello dell'Amendolea, la magia dell'Area Grecanica

Il Castello dell’Amendolea, un affaccio unico sul Mar Ionio e sull’area grecanica

Bovesìa, Area ellenofona, Calabria greca, Area Grecanica sono i nomi usati per definire la parte della provincia di Reggio Calabria dove persiste ancora l’antica lingua della Magna Grecia calabra, un idioma antico e affascinante, creolo unico nel suo genere, che veniva parlato nelle colonie greche che si insediarono in questo lembo di terra dell’estremo sud della penisola italiana di cui “capoluogo” è Bova.

In questo ombelico del mondo si alternano dal cuore dell’Aspromonte, fino a tuffarsi nel Mar Ionio, pendici montane semidesertiche e fiumare, torrenti che d’estate di prosciugano completamente dando al visitatore l’impressione di trovarsi in un vero deserto in cui i ciottoli del letto del torrente si alternano a piante grasse e distese di vegetazione secca, a volte bruciata.

In questo contesto ambientale e sociale sorgono numerosi ruderi di una grande storia passata che difficilmente tornerà a vivere nel suo splendore ma che nella sua semplicità offre spunti di memoria da non dimenticare.

Amendolea è il nome della più importante e ampia fiumara dell’area grecanica.

Amendolea è, anche, una frazione del comune di Condofuri e si trova a circa 5 chilometri dal mare risalendo l’omonima fiumara. In automobile è possibile raggiungerla percorrendo la strada verso il paese di San Carlo che parte dalla statale 106 all’altezza di Condofuri Marina. Lungo il tragitto troverete delle fontane in cui l’acqua sgorga da tubi metallici che sembrano uscire direttamente dalla roccia, è sempre fresca ed è considerata una delle acque migliori della zona. Se siete in bicicletta sicuramente troverete un po’ di rinfresco nel dissetarvi.

L’Amendolea è da segnalare per le antiche rovine del Castello dei Ruffo di Calabria (il cosiddetto Castello dell’Amendolea) che si stagliano su un cucuzzolo a ridosso del letto della fiumara, omonima, una volta navigabile. E’ infatti qui che gli autoctoni si ritirarono per sfuggire alla furia delle invasioni saracene che devastavano le coste. Il sito è abbandonato per cui di fatto è possibile visitare del tutto liberamente solo dei ruderi. La visuale è mozzafiato e il posto è estremamente suggestivo il che stimola l’immaginazione al punto di immedesimarsi nella popolazione che lo abitava (lungo la rocca sono presenti anche i resti di numerose abitazioni) che da quello straordinario punto di osservazione poteva avvistare le navi dei mori giungere pericolosamente sulle coste e tentare di risalire la fiumara ai tempi navigabile…

  • Stesso argomento
  • Stesso autore
Viaggi slow Federica Quattrone 0 comments

Ufficialmente l’estate finisce il 22 settembre ma i nostalgici della bella stagione, tempo permettendo, amano prolungarla fino ad approfittare degli…

Viaggi slow Avatar 2 comments

"La ferrovia segna l'ultima alleanza tra funzionalità ed estetica". È con una citazione dal libro di Paolo Rumiz "L'Italia in…

Viaggi slow Avatar 0 comments

Non sono molti quelli che, in Italia, conoscono il sorriso dell’Ignoto Marinaio dal vivo: tra le miriadi di opere e…

Viaggi culturali Avatar 1 comment

Eravamo io, Margherita di The Crowded Planet, Stefania e Serena. Non 4 amici al bar ma due blogger e due…

Viaggi culturali Avatar 2 comments

Era l'ora di pranzo e il sole siculo tormentava i nostri capi con i suoi bollenti raggi quando arrivammo a…

Itinerari Avatar 2 comments

Che la Sardegna non è solo mare ovviamente lo sappiamo, però... che mare e che spiagge che ha! L'isola è…

Consigli utili Avatar 0 comments

Dormire in traghetto è un grande must per tutti coloro che hanno viaggiato o viaggeranno da e verso un'isola che…

Viaggi slow Avatar 1 comment

Roma è una grande città, a volte un po' troppo caotica per rendersi conto dei numerosi tesori di cui ogni…

Consigli utili Avatar 0 comments

"Banditi dal giardino per antonomasia, siamo entrati da banditi nel paesaggio e da allora non abbiamo smesso di farne luogo…

1
Lascia una recensione

0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Calabria insolita, castelli e fortezze di Reggio Calabria Recent comment authors
  Subscribe  
Notificami
trackback
Calabria insolita, castelli e fortezze di Reggio Calabria

[…] mori e saraceni. Infatti, quasi tutte le fortezze della zona ionica calabrese risultano distrutte e semi distrutte mentre Motta Sant’Aniceto è la fortezza meglio conservata. Nel corso dei secoli ha […]

Top