A casa mia! Il miglior ristorante di cucina tipica di Napoli
cucina tipica napoletana

A casa mia! Il miglior ristorante di Napoli

Anche le festività natalizie hanno subito l’influenza del cibo; è il periodo dell’anno in cui si effettuano delle vere e proprie “maratone del mangiare“.

Del resto l’EXPO ha sottolineato in modo marcato l’importanza del cibo per gli esseri umani. Per l’Italia possiamo affermare che in gastronomia non ci sono dubbi che sia il Sud ad aver conquistato il Nord con la pasta, l’olio d’oliva, il consumo delle verdure, la pizza.

Così, gli ingredienti poveri riuscivano ad unirsi in sapori forti e genuini creando tante pietanze che gustiamo ancora oggi. Tuttavia, la vera rivoluzione culinaria napoletana arrivò sotto il regno dei Borbone grazie al matrimonio fra Ferdinando IV di Borbone con l’altezzosa Maria Carolina d’Austria, di cui le cronache narrano di un rapporto alquanto turbolento. Ferdinando predisposto più alla caccia ed allo sport che alla vita di corte, la consorte, Maria Carolina, nobile esponente della casata asburgica abituata a lussi ed onori di ogni genere.

Carolina cercava di introdurre alla corte borbonica la classe e la raffinatezza francese, ma il suo consorte il re Ferdinando continuava a comportarsi in modo poco consono ad un Re, la regina non riuscendo a sopportare i sapori della cucina napoletana del tempo, sapori  marcati e schietti, chiese aiuto alla sorella Maria Antonietta, Regina di Francia.

Napoli capitale della cultura culinaria italiana

Arrivarono alla corte di Napoli alcuni fra i migliori cuochi francesi per educare i colleghi partenopei alle prelibatezze della cucina francese. Però invece di fondersi con quella francese avvenne l’esatto opposto: gli chef partenopei diedero vita ad una cucina completamente nuova. I cuochi che vennero dalla Francia erano chiamati con il titolo di Monsieur, “signore” in francese. Nella lingua napoletana il termine venne alterato in monzù.

Alle dipendenze delle più importanti famiglie nobiliari del tempo, i monzù arrivarono a formare vere e proprie casate nelle quali l’arte culinaria veniva tramandata di padre in figlio e perfezionata generazione dopo generazione. Infatti fu proprio grazie ad uno di essi, Gennaro Spadaccino, che si ebbe l’invenzione della forchetta a quattro punte.

Infatti i maccheroni erano uno dei piatti più amati dal popolo, che per mangiarli usava le mani, usanza certamente poco igienica, ma erano molto amati dal sovrano Ferdinando, quindi Carolina ordinò al suo monzù più fidato di creare un sistema per sostituire l’uso delle mani.

Nel Regno di Napoli dell’epoca era iniziata una rivoluzione silenziosa nel campo culinario, furono riviste le metodologie culinarie: progressione classica dal salato al dolce, dal freddo al caldo, in questa sinfonia culinaria i cuochi partenopei aggiunsero «il primo», ossia la portata con la pasta.

La cosa davvero curiosa di questa storia gastronomica è il fatto che a Napoli e nel Sud ha vinto la cucina povera su quella ricca nell’alimentazione quotidiana. Ha vinto non solo per dimensioni qualitative, ma soprattutto sul piano nutrizionale, la cui scienza dell’alimentazione moderna ha dato ragione. Infatti negli anni ’60 in Italia l’espressione “a casa mia non manca mai la carne“, denotava il benessere raggiunto dalla famiglia.

Ebbene, oggi è esattamente il contrario: l’alimentazione è costituita da cibi che mangiavano i poveri, dunque vegetali, fibre, pesci e raramente la carne rossa mentre spesso il junk food è proprio costituito da cibi di dubbia provenienza e scarsa tracciabilità che entrano nell’alimentazione di tutti i  giorni.

È di questi giorni l’approvazione della nuova legge di riordino degli home restaurant e dei social eating, ma a Napoli si è avuto anche in questo un’anticipazione, infatti il detto diffuso e comune all’ombra del Vesuvio:

Il miglior ristorante di Napoli? A casa mia!

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Dove dormire a Napoli
  • Stesso argomento
  • Stesso autore
Food Experience Federica Quattrone 0 comments

La Tunisia, colorata e saporita, porta a tavola quell'insieme di culture che hanno reso la cucina locale davvero speciale. Profumi piccanti…

Food Experience marta 3 comments

Novembre, primi freddi, olio nuovo, camino acceso, voglia di casa. Sono convinta che casa sia ovunque si stia bene. Ma, anche se…

Food Experience Avatar 0 comments

Dì la verità, sei un appassionato di cibi locali e ogni volta che viaggi o ti muovi anche solo per…

Natura e Parchi Avatar 3 comments

Oggi viviamo in un mondo che si é allontanato dalla natura, siamo circondati da strutture e materiali che poco hanno…

Viaggi culturali Avatar 0 comments

Noi italiani abbiamo un rapporto con l’arte piuttosto strano; da diversi anni i politici affermano che l’arte ed il turismo…

Natura e Parchi Avatar 0 comments

Se siete in vacanza a Ischia, non potete perdere la visita ai Giardini la Mortella dove natura e cultura si sposano…

Viaggi culturali Avatar 2 comments

Oggi ci rechiamo in provincia di Avellino, precisamente ad Altavilla Irpina, tale cittadina è ubicata lungo la SS 88 che…

City Break Avatar 1 comment

Metti una telefonata giunta nella tarda mattinata dall'amico:  "Ciao, ho bisogno di un favore, ci sono due amici che passano…

City Break Avatar 0 comments

Dovevo partecipare ad un congresso a Trieste, ed ero curioso di poter visitare questa città mitteleuropea. Dovendo viaggiare da solo…

Avatar

Pellegrino Villani

Pilgrim è l'equivalente inglese di Pellegrino: possiamo ritenerci un po’ tutti pellegrini, ovvero persone in cammino, che vivono la propria vita come una continua scoperta. Infatti vivere è scoprire le bellezze del quotidiano, anche quelle più ovvie e quindi più nascoste nelle pieghe delle nostre giornate ordinarie.

Lascia una recensione

  Subscribe  
Notificami
Top